mercoledì 29 febbraio 2012

Facebook guai con Yahoo! ed Sms

Se pensate che la vita di "Zio Zuck", dopo la creazione del social network dei record, sia priva di preoccupazioni siete davvero fuori strada: in questi giorni una serie di problemi finanziario-legali sta seriamente mettendo i bastoni tra le ruote allo sbarco ed alla quotazione di Facebook in borsa. Da una parte Yahoo! avrebbe intenzione di denunciare i vertici del social network per tutta una serie di violazione di proprietà intellettuali e brevetti registrati, primi tra tutti gli algoritmi di advertising, la pubblicità contestuale che appare tra le news di Facebook e cerca di confondersi con le altre notizie che appaiono agli utenti, per passare poi alla tecnologia alla base del social network stesso, per finire allo scambio di messaggi tra gli utenti. Yahoo! da parte sua richiede il pagamento di laute licenze per lo sfruttamento di circa una ventina di brevetti sfruttati in modo abusivo dal network, così le due aziende potrebbero giungere ad un accordo che rimpinguerebbe le casse della società di Santa Clara ai danni di quella di Palo Alto. Tutto qui? Macchè. Pare infatti che siano venute fuori delle pratiche palesemente contro il rispetto della privacy degli utenti: il Sunday Times, il celebre giornale di proprietà del magnate Rupert Murdoch, accusa Faceboo di leggere gli SMS degli utenti che utilizzano l'applicazione ufficiale FB sui propri smartphone ed iPhone/iP*d. La smentita ufficiale di Palo Alto non si è fatta attendere, definendo le accuse "inesatte e fuorvianti", visto che la versione incriminata dell'app è ancora in fase di beta testing e quindi le "letture" sarebbero state effettuate solo ai fini di consolidamento dell'applicazione stessa che non sarebbe ancora disponibile al pubblico e, qualora venisse distribuita, sarebbe accompagnata da un nuovo contratto di licenza per permettere a Facebook l'uso dei dati personali degli utenti. Si, proprio quella serie infinita di clausole burocratiche che tutti accettano senza leggerne nemmeno il primo paragrafo :(

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'