mercoledì 7 dicembre 2011

Facebook Timeline debutta... con calma

Un debutto in sordina quello della Facebook Timeline: per ora sarà resa disponibile unicamente agli utenti del network in Nuova Zelanda per due semplici motivi. Il primo, ovvio, perchè i bug nel codice della nuova Timeline sono ancora troppi, ed esporla ad un audience troppo vasto rischierebbe di portare ad una colossale magra figura. Il secondo motivo è per verificare l'incremento del flusso di dati utente che potrebbe causare il crash dell'intero servizio per sovraccarico dei server: meglio circoscriverlo ad una zona ben definita per evitare collassi a macchia d'olio sull'intera struttura del social network. Infine, c'è un terzo motivo puramente legale: la privacy degli utenti di Facebook, messa a dura prova dalla Timeline che tende a rendere pubblico ogni particolare della vita sociale online degli iscritti al network di Mark Zuckerberg, è a rischio denuncia e class-action, senza contare le dispute, sempre legali, con la società Timelines.com. Insomma, da Palo Alto ci vanno con i cosiddetti "piedi di piombo" ed, a questo punto, dubitiamo che il servizio possa debuttare anche qui in Italia in tempi brevi come pronosticato solo qualche settimana fa.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Mark Zuckerberg nuove foto private online

Zio Zuck c'è ricascato: a distanza di due anni dal piccolo incidente occorso al suo giocattolino dalle uova d'oro Facebook, un altro bug ha mostrato, di nuovo, alcune sue foto private a tutto il web. Niente di scandaloso o scabroso, sia ben chiaro, ma solo una cenetta a base di sushi, alcune fotografie in casa tra i suoi amici ed il suo fido cagnolino più altre scene di vita quotidiana di Mr. Facebook. Per chi fosse interessato a dare uno sguardo alla nuova gallery di foto prima che siano rimosse dal blog che le ospita attualmente, basterà digitare nella barra degli indirizzi del proprio browser imgur.com/a/PrLrB... ma fate in fretta, visto che potrebbero essere oscurate da qualche giudice particolarmente ligio alle leggi riguardanti la privacy degli utenti in rete.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'