lunedì 19 settembre 2011

Gmail numero di telefono obbligatorio: bufala!

Sembrava la fine dell'anonimato in rete (e del mondo): dalle pagine web del corriere e di molti blog si era diffusa la notizia (infondata) che per aprire un account Google su GMail dovesse essere obbligatorio fornire il proprio numero di telefono fisso o cellulare. Già con Facebook tantissimi utenti si erano "scomodati" nell'inventare dati falsi per evitare di fornire al gestore del network ed ai servizi terzi ad esso collegati tutti i propri dati personali. Se ora ci si mette anche Google a verificare la nostra identità tramite numero di telefono, è proprio la fine della privacy online! Macchè, la richiesta, per bocca della stessa società che ha sede a Mountain View, viene inoltrata nel caso si stia aprendo un indirizzo email sospetto o ad alto rischio spam, ed uno dei passaggi obbligatori richiede la verifica tramite sms o chiamata automatica della veridicità del numero fornito a Google. Quindi gli utenti possono dormire sonni tranquilli: per aprire un semplice nomecognome@gmail.com (ricordiamo che i "." sono ignorati in fase di login, quindi sarà possibile effettuarlo anche fornendo nome.cognome@gmail.com o n.o.m.e.c.o.g.n.o.m.e@googlemail.com) non è richiesta alcuna verifica tramite cellulare, anche se non si esclude, in futuro, di adottare la stessa strategia di Facebook, ossia del limitare le funzionalità o disturbare in continuazione quegli utenti i quali account non siano stati preventivamente verificati.
C'è da dire, purtroppo, che al momento l'algoritmo che classifica un account come "ad alto rischio spam" è leggermente prevenuto nei confronti dei mail server italiani: accade un pò troppo spesso, nonostante le rassicurazioni di Google, che richieda la verifica tramite sms o chiamata.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'