martedì 3 maggio 2011

Silvio Berlusconi Photoshop su Facebook

Dopo la foto-bufala di Osama Bin Laden, anche il nostro amato premier Silvio Berlusconi è passato a miglior vita: ecco una divertente foto che circola su Facebook, ovviamente un fotomontaggio ottenuto con Photoshop, Gimp (il suo alter-ego gratis) o qualche altro programma di ritocco fotografico. A segnalarci via email la foto di Berlusconi ridotto come il capo di Al Qaeda è Federico, l'ennesimo navigatore delle oscure acque del network di Zio Zuck che ringraziamo di cuore per il fotomontaggio. Se volete dare uno sguardo anche alle varie versioni di Silvio Berlusconi Santo Subito, potete gustarvi il relativo post pubblicato nel 2009 qui su FB Italia...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook macchina per spiare utenti

Facebook è la più spaventosa macchina per spiare le persone che sia mai stata inventata. Ad affermarlo nientemeno che Julian Assange, il quale aggiunge come il network in blu sia il database più completo al mondo riguardante sia le persone che le loro relazioni, senza considerare la posizione geografica, le preferenze, le foto, le conversazioni e tutto il resto liberamente accessibile dalle forze di intelligence statunitensi. Il capo di Wikileaks in attesa di estradizione e processo per stupro (!?) si scaglia apertamente contro Facebook, che invita i propri utenti a tenere aggiornati i dati personali per permettere una maggiore veridicità degli stessi. Il tutto, senza che si debba passare per mandati o giudici, bastano le giuste pressioni politiche (ma non sono nemmeno indispensabili). Gli utenti di Facebook dovrebbero comprendere come il loro restare collegati al network contribuisca a schedarli uno ad uno, in una specie di lavoro gratis per la CIA e le altre agenzie investigative. Basandosi su questi presupposti, sarebbe sin troppo facile creare un regime totalitario che elimini sul nascere chiunque dissenta dalle idee del regime stesso, ma grazie al cielo (o al caso) ciò ancora non si è verificato.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'