martedì 26 aprile 2011

21 maggio fine del mondo, Marsili la causa?

Ci risiamo: il prossimo 21 maggio 2011 potrebbe verificarsi l'apocalisse! La fine del mondo, secondo quanto si legge su tanti blog e siti, Facebook incluso, sarebbe dovuta all'eruzione di Marsili, il più grande vulcano d'Europa situato a 150km a largo della Campania (e quindi si tratta di un vulcano sottomarino). La sua pericolosità non sta tanto nella possibile eruzione, visto che è ancora attivo anche se sommerso, quanto nella possibilità che generi uno tsunami di bibliche proporzioni ben più grande di quello che ha sconvolto il Giappone nel recente passato, con conseguente innalzamento del livello delle acque e la fine della vita in buona parte delle zone costiere che si affacciano sul Mediterraneo, date le sue dimensioni eccezionali. I più catastrofisti su FB affermano che lo sconvolgimento potrebbe coinvolgere l'intero globo, anche se questa è una possibilità davvero remota (oltre che insolitamente fantasiosa). C'è infine chi pubblica astrusi calcoli riguardanti la Bibbia, e da tali calcoli sembra che la fine del mondo inizierà proprio il 21 maggio per concludersi il prossimo 21 ottobre 2011 ed in soli 5 mesi l'intera civiltà umana potrebbe essere cancellata da un incendio globale. Insomma, non c'è di che stare allegri a leggere le bufale che continuano a circolare con una certa insistenza su Facebook, ma almeno stavolta ci sarà poco da attendere visto che le date della presunta fine del mondo sono molto vicine... Voi che ne pensate di queste voci sull'apocalisse prossima ventura? E del terremoto previsto l'11 maggio? Vi è sorto il minimo dubbio che almeno una di queste teorie virali che circolano da tempo sul web possa essere fondata e, quindi, verificarsi?

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook Invia, novità dopo il Mi Piace

Facebook non fa in tempo a festeggiare il primo compleanno del pulsante Like / Mi Piace, che subito sforna una novità interessante: il bottone Send / Invia, il sostituto del classico invio per email che in qualche modo amplia le possibilità offerte ai partecipanti dei gruppi sul network in blu. Il pulsante infatti, una volta fatto click sul Send blu, consente di inviare una pagina o un articolo ad amici, iscritti a gruppi o ad un semplice indirizzo email con lo scopo dichiarato di rendere più semplice la condivisione dei contenuti sul web. Se il Mi Piace ha riscosso un vero e proprio boom di successi e consensi, tant'è che ha colonizzato l'intero web e si stima che ogni giorno circa 1 miliardo di pagine vengano linkate tramite il Facebook Like, la stessa sorte potrà avere il Send per quanto riguarda i suggerimenti che può essere inglobato nei siti esterni tramite le consuete API di Facebook, ossia col solito javascript o iframe. Google intanto applica la stessa logica del Mi Piace ai risultati delle ricerche dando risalto (e pesando) i +1 in base all'influenza che ogni singolo utente ha rispetto a chi visualizza il numero di preferenze: una specie di classificazione gerarchica degli utenti sulla fattispecie del ben noto Pagerank applicato, stavolta, agli utilizzatori del web.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'