mercoledì 23 marzo 2011

Addio a Liz Taylor, icona del cinema americano

A 79 anni si è spenta oggi 23 marzo Elizabeth "Liz" Taylor nella città di Los Angeles (CA) dopo il ricovero dei giorni scorsi per problemi al cuore. La notizia, rimbalzata in men che non si dica tra le agenzie giornalistiche e Facebook, è stata data dal sito TMZ, lo stesso che annunciò la scomparsa di Michael Jackson. Lutto nel mondo del cinema hollywoodiano per una delle sue stelle più brillanti, vincitrice negli anni '60 di 2 premi Oscar ed indimenticata Cleopatra dell'omonimo colossal del 1963. Sul network Facebook la pagina ufficiale di Liz contiene centinaia di foto dell'attrice ed è raggiungibile all'indirizzo facebook.com/pages/Elizabeth-Taylor/48161540958. Se volete lasciare un commento o diventarne fan, effettuate il login a FB e digitate l'indirizzo sulla barra del vostro browser oppure lanciate una ricerca per "Elizabeth Taylor". Al momento il contatore dei like è fermo a quota 18.500 Mi Piace.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Le donne su Faceboo amano mettersi in mostra

Un test sull'autostima pubblicato alcuni giorni fa che verificava, per un certo numero di donne, i profili sui social network Facebook e Badoo, ha reso noto come il voler apparire sia, per il gentil sesso, più importante che l'essere. Le due reti sociali più utilizzate in assoluto in Italia ed aperte a tutti quanti volessero trovare vecchie e nuove amicizie online, hanno evidenziato un approccio distante tra i due sessi nell'utilizzo delle stesse: i maschi pubblicano su Faceboo in media il 25% delle fotografie rispetto alle ragazze, le quali invece sembrano cercare in particolar modo l'approvazione altrui. Così le pagine pubbliche sui FB ed i profili di Badoo sono più curati ed attirano senza ombra di dubbio meglio l'attenzione se gestite da donne. L'assioma donna-oggetto e gli valori distorti che la società dell'immagine ci ha abituati da molti anni ad oggi valgono in modo particolare su entrambi. C'è anche da notare come il 40% delle ragazze ritenga perfettamente normale pubblicare foto che le ritraggono sotto l'effetto di fumo o alcool e si dichiari dipendente dagli aggiornamenti di stato su Facebook: desolante, se davvero così stanno le cose!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'