mercoledì 9 marzo 2011

Facebook e social network sotto attacco dai virus

Pubblicati solo 2 giorni fa, i dati riguardanti la sicurezza sul web della Dasient, nota società specializzata in virus e sicurezza informatica, sembrano quasi un bollettino di guerra: la crescita dei malware è fuori controllo e la probabilità che, navigando, un utente incappi in un virus presente in una pagina web infetta è pari al 30% in 10 giorni e del 95% in soli 90 giorni! Da quanto riportato si evince che nessuno è al riparo da queste minacce soprattutto perchè i social network, come Facebook, Twitter ma anche le piattaforme di intrattenimento audio-video tipo YouTube, sono facilmente sfruttabili dagli hacker per distribuire in minor tempo le proprie creazioni malevole tramite script o link verso risorse infette. Eppure la lotta alla diffusione di virus e affini sta dando i suoi frutti, dato che gli sforzi effettuati tra le società che si occupano di sicurezza e gli stessi web master, senza dimenticare Google che include al suo interno un algoritmo estremamente sofisticato per segnalare software malevoli presenti in un sito ed avvertire gli utenti già dalla ricerca, riesce a contrastare il fenomeno o per lo meno a cancellare le risorse infette in tempi brevi. In calo la diffusione di file eseguibili per email, la lotta si sposta di più verso il phishing, ossia contro le pagine web che "sembrano ma non sono", Facebook e siti di banche online incluse. C'è da notare, infine, che gli attacchi tramite malware utilizzano un ristretto gruppo di exploit facilmente intercettabili perchè già noti. Uno dei problemi sollevati è che i social network non effettuano abbastanza controlli sui link che vengono postati dagli utenti, e per giunta il fatto di utilizzare gli accorciatori di indirizzi (url-shortener) rende l'individuazione di potenziali pericoli ancora più difficoltosa. Un software che vi tenga alla larga da qualsiasi pericolo per il momento non esiste, quindi usate il cervello quando navigate sul web ed evitate di visitare su link che non conoscete, perfino se questi provengono da Facebook o da uno dei vostri amici sui social network.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

OpenSuse 11.4 alternativa a Win7 e Ubuntu

Prevista tra poche ore la release 11.4 di OpenSuSe, una delle più popolari distribuzioni Linux al mondo che cerca di essere una semplice, robusta e funzionale alternativa allo strapotere di Microsoft nell'ambito dei sistemi operativi. SuSe porta con se da tempi storici l'integrazione con KDE, il gestore del desktop simile allo stesso Windows ma con funzionalità avanzate tipiche del mondo Linux, anche se funziona egregiamente con Gnome o gli altri gestori più leggeri e performanti. Parzialmente messa in ombra dal successo di Ubuntu, questa nuova release porta con se alcune novità, tra le quali segnaliamo la semplificazione del processo di installazione anche per netbook ed portatili meno recenti. In questo caso il desktop verrà gestito da Smeegol, un derivato dal sistema operativo Intel Meego, molto veloce e reattivo, anche se è sempre possibile far funzionare sia KDE che Gnome a patto di avere abbastanza Ram sul nostro device portatile. Infine l'inclusione di Yast e WebYast per configurare qualsiasi parametro della nostra macchina sia da locale che da remoto, una specie di pannello di controllo di windows-iana memoria, ed il pensionamento dell'HAL (hardware abstraction layer) che porterà indubbi benefici prestazionali per l'utente finale. Scelta come distribuzione Linux anche dallo staff del nostro blog FB Italia per la sua semplicità d'uso e, soprattutto, per il fatto di essere 100% gratuita e ricca di software installabili, OpenSuse sarà scaricabile tra poche ore all'indirizzo opensuse.org.

---

Aggiornamento dell'11 marzo 2011: le prime impressioni dopo l'installazione di OpenSuse 11.4 avvenuta nella giornata di oggi. A parità di computer utilizzato, il tutto sembra essere molto più reattivo e veloce, se si esclude però l'effetto "Blur" nella gestione 3D delle finestre che sembra avere seri problemi sia con la scheda integrata nel chipset Intel che con la Nvidia. Suse 11.4 si affida al kernel 2.6.37 con l'ultima release del KDE 4.6 ed include di fabbrica la versione beta 12 di Mozilla Firefox e Libre/OpenOffice. Probabilmente le migliorie più apprezzate sono la rimozione dell'HAL ed il rinnovo di YaST/Zypp che ora sembra volare letteralmente negli accessi ai repository del software rispetto alla vecchia criticatissima versione. Sul sito ufficiale è possibile effettuare il download della Live KDE che si avvia direttamente dal CDRom, della Gnome, della versione DVD (non Live) e Network.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'