lunedì 31 gennaio 2011

Badoo in Italia, anti-Facebook in arrivo?

Come annunciato sul blog ufficiale (all'indirizzo blog.badoo.com), nel weekend a cavallo tra il 22 ed il 23 gennaio scorso il network Badoo, specializzato in dating online, ha raggiunto la ragguardevole soglia dei 100 milioni di utenti. In soli 7 giorni il contatore ha incrementato di 4 milioni il numero di utenze, denunciando un boom mediatico senza precedenti e candidandosi come un probabile anti-Facebook... uhm... forse si! E per una serie di motivi che adesso andiamo ad elencare. In primo luogo, il nostro amato network in blu rende oggettivamente difficoltosa la nascita di nuove amicizie (a prescindere da quale sia il fine ultimo delle nostre ricerche), dato che non permette di specificare, nelle stesse, nè le caratteristiche fisiche delle persone di nostro interesse, nè tantomeno, città, lavoro, abitudini e hobby di chi stiamo cercando. Non è azzardato il paragone all'elenco telefonico: ostico per conoscere nuovi amici, possiamo solo tentare la sorte aprendo una pagina a caso e componendo il numero relativo tramite un "poke" o una richiesta di amicizia. Ma attenzione, ultimamente FB inibisce gli utenti che effettuano troppe richieste visualizzando una tanto odiata popup che chiede: "Sei sicuro di conoscere Pinco Pallino?". Al contrario, dopo una veloce registrazione, anonima tra l'altro, su Badoo, viene immediato effettuare ricerche per sesso, città, regione, altezza, peso e tutta una serie di parametri che farebbero la gioia degli irriducibili di Facebook dal cuore solitario. Anche la chat a prima vista è davvero ben fatta. Gli unici grossi difetti sembrano essere il numero effettivo di login da parte di utenze reali, molto al di sotto dei numeri sbandierati in questi giorni, e le caratteristiche di Badoo a pagamento: superpoteri, classifiche e richieste di servizi telefonici possono decretare l'abbandono degli utenti dal network in men che non si dica. Per il resto, dalla velocità, alle funzionalità passando per l'interfaccia pulita ed i milioni di profili di belle ragazze su Badoo, ha tutte le carte in regola per rompere le uova nel paniere a Zio Zuck! Ocho!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook Deals Italia, finalmente è arrivato!

Dopo quasi 2 mesi dall'attivazione negli Stati Uniti, finalmente anche in Italia sbarca Facebook Deals, un nuovo servizio del network in blu che permette, sfruttando la localizzazione dell'utente (FB Luoghi) di visualizzare sul proprio dispositivo mobile e smartphone tutte le occasioni, sconti e promozioni a noi vicine, con la possibilità di condividerle con i propri contatti di Facebook. Tra i partner dell'iniziativa del network, troviamo Poste Italiane, Telecom Italia, Vodafone, Benetton e l'AC Milan. Per avere maggiori informazioni, sulla modalità di iscrizione ed ulteriori dettagli su come usufruire delle promozioni, visitate la pagina ufficiale di Deals effettuando il login a Facebook quindi recandosi all'indirizzo: facebook.com/deals. In sostanza, basta effettuare l'accesso tramite device mobile, andare sui Luoghi quindi dopo la registrazione ci appaiono nelle vicinanze tutte le offerte, clickabili ed attivabili dall'utente. Per usufruirne basta mostrare lo schermo del nostro telefonino con il codice attivato. Facebook Deals debutta oggi anche in Spagna, Francia, Germania e Gran Bretagna.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Ricatti a ragazzine su Facebook per autoscatti sexy

Un uomo di 30 anni è stato scoperto e denunciato per aver ricattato ragazze tramite Facebook. Il trucco era il solito: apriva un profilo falso sul network di Zio Zuck fingendosi adolescente, poi contattava le ragazze online e dopo qualche sessione di chat riusciva a farsi inviare filmati e autoscatti sexy dalle ragazze. A questo punto scattava il ricatto: o pagavano (lasciando il denaro in un locale a lui noto) o le foto venivano rese pubbliche con tanto di nome sui social network più diffusi. Non si conosce ancora il numero preciso di ragazzine adescate, per il momento tutte avevano tra i 13 ed i 14 anni, ma si sospetta che il 30enne di Ventimiglia prima di essere bloccato dalla polizia postale sia riuscito ad incastrare nel suo gioco parecchie ragazzine. Consigliamo per l'ennesima volta di "prendete nota", ed evitare in ogni modo situazioni (foto, autoscatti, filmini da cellulare) che possano aumentare il numero dei casi simili a questo.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'