lunedì 24 gennaio 2011

Papa Benedetto benedice Facebook e social network

Chi l'avrebbe mai detto? Dopo le numerose critiche degli anni passati, in occasione della Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali è lo stesso Papa Benedetto XVI a "benedire" i social network, visti come opportunità da cogliere sempre stando attenti ai rischi che si corrono. Da evitare l'uso di Facebook come realtà nella quale rifugiarsi dalla vita reale, deve essere fonte di contatto e non sostituirlo in toto. L'idea potrebbe essere quella di evangelizzare il mondo usando il web, sfruttando l'era digitale per portare in modo più capillare la lieta novella a tutti. Ma ciò non vuol dire solo ed esclusivamente inserire testi e contenuti a carattere religioso su Facebook e sulle altre piattaforme, ma portare la propria testimonianza di vita, le proprie scelte, coerenti con il Vangelo, anche se di esso non si parla in modo esplicito. Una vera e propria svolta mediatica che Papa Ratzinger ha avuto il coraggio di intraprendere. Nella foto a destra, il sito ufficiale della Santa Sede in attesa di un profilo del Papa sul network Facebook.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Ferrari FF, la rivoluzione parte da Facebook

Vera rivoluzione rossa, la Ferrari Four presentata su Facebook in anteprima mondiale il 21 gennaio scorso alle 12, è stata la prima creazione di Maranello ad avere la trazione integrale ed una capacità di carico stupefacente: 4 posti, 670 cavalli, sospensioni magnetiche e distribuzione dei pesi da enciclopedia dell'automobile, ma una coda che ricorda le station wagon odierne (o la Breadvan di mezzo secolo fa). FF, la Ferrari Favolosa (come titola Le Figaro), è l'ultima opera di Pininfarina, ma non a tutti è piaciuta. Esce dagli schemi e dai canoni stilistici tipici delle rosse del cavallino, non è una coupè ed è troppo lunga/grande e sobria, sembra una mossa di marketing per contrastare il nuovo mercato delle familiari ultrasportive tipiche tedesche, tant'è che Der Spiegel avverte Mercedes e Bmw di stare in guardia che al prossimo Salone di Ginevra sarà lei a spodestare le eleganti teutoniche nel proprio campo. Insomma, giudizi contrastanti che dividono le correnti tra estimatori del nuovo gioiello Ferrari e detrattori, perfino su Facebook. Per quanti ancora non l'avessero vista, ecco qualche foto della FF ed un video in HD tratto dal network YouTube:




Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook divorzi e rapporti in crisi

State litigando con il vostro partner o siete arrivati proprio alla fine della relazione? Se è in vista la separazione, il consiglio è stare alla larga dai social network, Facebook e Badoo in particolare. Pare infatti che entrambe le reti sociali, che tanto fanno parlare nei blog e siti specializzati in incontri e flirt online, costituiscano un invito bello e buono al tradimento, con tutto ciò che ne consegue: è ormai risaputo come, in caso di giudizio, nei tribunali non si facciano più tanti scrupoli ad accusare l'uno o l'altro partner di infedeltà portando come evidenza dei fatti proprio i login a Facebook con le relative amicizie con l'altro sesso, indice di tradimento reale o virtuale. Per avere un'idea di quanto conti Facebook nelle cause di divorzio negli Stati Uniti o in Inghilterra, pare che l'81% delle coppie vi sia giunta proprio a causa del web ed 1 su 4 in particolare proprio a causa di Facebook. Le spiate sono all'ordine del giorno così come le rotture dovute ad email e/o messaggi personali letti dal proprio coniuge all'insaputa dell'altro: per quanti di voi a conoscenza della password di login altrui, è un gioco da ragazzi dare uno sguardo alle chiacchierate sul network in blu che, inevitabilmente, portano ad essere ancora più gelosi di quel che si è. Insomma, tra moglie e marito non metterci il... Facebook!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'