mercoledì 12 gennaio 2011

Ducati 2011 MotoGP, nuova livrea per la rossa di Valentino

La Ducati GP11 guidata da Valentino Rossi nel prossimo mondiale MotoGP sarà così: sella nera e gialla, colore giallo anche sul musetto col 46 giallissimo e per il resto i classici colori rosso corse (quasi arancione) attraversato da una striscia bianca con il logo in nero e tantissimi sponsor a "sporcarne" il design. Su Facebook e non solo è un tamtam continuo, si cercano infatti le foto ufficiali o meno, richiestissime quelle del backstage di Valentino Rossi e Nicky Haiden su Ducati con le tute ufficiali e soprattutto le moto con le nuove livree (a proposito, quella di Nicky è molto meno variopinta e più rossa, ossia più Ducati). Nell'attesa che si tolgano i veli dalla GP11 (e che pubblicheremo anche noi, presi dalla voglia di rivedere Vale46 in sella alla rossa di Borgo Panigale), godetevi queste foto rubate a Madonna di Campiglio della nuova Ducati GP11 gialla...


Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook compra Fb.com

Se, fino a pochi mesi fa, digitando FB.com sulla barra degli indirizzi del proprio browser compariva la pagina ufficiale della Farm Bureau, da pochi giorni è stato raggiunto l'accordo tra Mark Zuckerberg e la stessa società, per la modica cifra di 8.5 milioni di dollari, per passare il testimone allo stesso network in blu. Un bel colpo, vista la pessima abitudine che hanno gli internauti di abbreviare Facebook in FB e che fino ad oggi solo Google reindirizzava correttamente suggerendo proprio Facebook tra i siti nell'elenco di ricerca. Non solo, quel furbacchione di Zuckerberg con un colpo solo prende un dominio eccellente per essere utilizzato nei servizi di Url-Shortening, ossia di accorciamento di url: così come Google che accorcia gli indirizzi tramite Goo.gl, così Facebook potrebbe utilizzare Fb.com. Peraltro un indirizzo così corto faciliterebbe di non poco la vita agli utenti che effettuano il login al network da dispositivi mobili e smartphone, e visto l'andamento del mercato mobile, ciò non è cosa di poco conto visto che tutti si aspettano un imminente sorpasso a scapito dei dispositivi fissi, in netta diminuzione.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'