martedì 21 dicembre 2010

Griddix, il social network casuale "quasi" gratis

Un social network diverso da Facebook nel quale gli iscritti sono messi in contatto tra loro in modo randomico tramite una griglia quadrata che ogni 2 mesi rimischia ogni casella-utente: ecco l'idea di Griddix - The Web Democracy (griddix.com), un aggregatore sociale totalmente casuale che vi inserisce al centro di una griglia di 9 caselle, della quale voi siete al centro, e potete contattare le 8 caselle circostanti (4 uomini e 4 donne). L'opportunità è quella di creare relazioni a livello mondiale, e per entrarne a far parte basta scegliere un nickname e poche altre informazioni (nazione, età, una descrizione di te stesso e dei tuoi interessi, nonchè email e password). Se poi caricate una foto, la possibilità di attaccar bottone con uno dei "vicini" cresce, ma se non vi stanno proprio bene, potete chiedere ad uno di loro di fare a cambio di cella per navigare in questo universo quadrato. Vista la casualità delle posizioni, è richiesta una età minima di 18 anni ma lo scambio di cella è (purtroppo) a pagamento: a parere nostro, rendere il tutto gratuito incentiverebbe e non di poco la diffusione del gioco che ha un'idea di fondo semplice ma innovativa. Visto che Facebook è gratis e tale rimarrà per sempre, ci si sarebbe aspettati un atteggiamento simile da parte dei gestori di Griddix... Peccato! :(

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

La zampa di Facebook su Baidu...

Mister Facebook, al secolo Mark Zuckerberg, già eletto uomo dell'anno 2010 per il settimanale statunitense Time, è a spasso in Cina... Ufficialmente in vacanza con Priscilla Chan, sua storica ragazza (di origini orientali), in pratica unisce l'utile al dilettevole visitando il quartier generale di Baidu.com, il concorrente cinese di Google. Non si sà di cosa abbiano discusso i due CEO, ma a quanto pare l'idea che è balzata in testa a quella vecchia volpe di Zuckerberg è di un accordo commerciale con Baidu per portare Facebook in Cina e mettere le mani sui dati personali di oltre un miliardo e mezzo di persone: davvero niente male, anche se dovesse costargli una cifra spropositata, di sicuro ne sarebbe valsa la pena dato che arrivare per primi in Cina decreterebbe una crescita smisurata del social network in blu in tempi pressocchè istantanei, considerando che oggi il numero totale di account si aggira attorno ai 600 milioni di utenti... Fate le vostre dovute considerazioni!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'