giovedì 16 dicembre 2010

Facebook, abitudini curiose e successo assicurato!

Che lo si ami o lo si odi, Facebook oramai ha preso il sopravvento sulla nostra vita digitale ma non solo: il successo del film The Social Network è solo la punta dell'iceberg che dimostra come sia riuscito a venir fuori dal web e prendere possesso delle nostre sane abitudini. Sul sito GoodWebNews (raggiungibile all'indirizzo goodwebnews. wordpress.com) è presente un post che analizza in modo scherzoso e divertente ciò che facciamo dopo il login a Facebook proiettandolo nella vita quotidiana: ciò che accade online è strano, ma diventa addirittura imbarazzante se fatto lontano dal social network.
Eccone 6 esempi chiarificatori riportati sul sito in questione:

  1. Dichiarare il proprio stato a tutti: "Ehm... la mia è una relazione... diciamo... complicata, sto con una tipa... cioè un'amica ma sono anche in cerca di una nuova amica... cioè hai capito no?!"
  2. Inserirsi in conversazioni altrui: quando un gruppo di persone si scrive reciprocamente in bacheca qualche commento, magari ne conosciamo solo 1 o 2 e noi a mettere giù delle vere perle di saggezza che dimostrano quanto siamo ferrati su un argomento: solo su Facebook è concesso farlo!
  3. "Mi Piace" come unico punto di contatto con i tuoi amici: alcuni non sai neppure dove vivono o cosa fanno, ma inspiegabilmente ogni tanto ti ritrovi un like sul tuo aggiornamento di stato... Il vostro rapporto è tutto limitato al click di un pulsante!
  4. Gli inviti alle pagine e gruppi più strani: ormai è diventata consuetudine aprire gruppi dal titolo strampalato ed invitare chiunque... Ma se fossimo nella vita reale, probabilmente la nostra risposta sarebbe affidata ad una 44 Magnum!
  5. Taggare qualcuno per una foto: alle 2 di notte ubriaco fradicio con tanto di camicia strappata ed intinta nel vino rosso esponendolo al pubblico ludibrio... non ha prezzo apprezzo!
  6. L'utilità del Poke: inimmaginabile nella vita reale un amico che senza aprir bocca vi dia un poke e subito dopo se ne va... Ma quello che voleva? E soprattutto: chi era?!?

Se il post vi è piaciuto come ci auguriamo, fate un giro su GoodWebNews! A proposito, visto che siamo in tema, ecco altrettante 6 regole per avere successo sul vostro amato network in blu:

  1. Raggiungete un numero di amici compresi tra 100 e 300, non di meno nè di più (sarebbero decisamente troppi): ciò vi consentirà di mantenere un certo livello di attrattività rispetto a nuove conoscenze su Facebook!
  2. Assicuratevi che i vostri amici siano tutti bonazzi/bonazze o che, almeno, abbiano la foto del profilo carina: funzionerà come una specie di calamita per conoscere bei ragazzi/ragazze su FB.
  3. Vietate al vostro partner di usare Facebook: è stato dimostrato come la presenza di entrambi sul network è la causa primaria di inopportune gelosie e motivo di litigi per questioni legate alle vostre relazioni virtuali.
  4. Prima di pubblicare qualunque cosa, contate fino a 10: ciò permetterà ai vostri neuroni di pensare a Mr.Zuckerberg lucrare sui vostri dati personali, che rimarranno suoi anche nel caso di una vostra cancellazione dal network, nonchè di pensare a tutti gli hacker che, facilitati dalla vostra superficialità, potrebbero rubare la vostra identità in un batter di ciglia!
  5. Siate voi stessi e non idealizzatevi troppo: anche se questa regola può minare il punto precedente, di solito la prevalica nella quasi totalità degli utenti del network. I profili su FB tutto sommato riflettono l'essenza dei rispettivi proprietari.
  6. Infine, usate Facebook per trovare un lavoro: visto che siete degli inguaribili spreconi di tempo online, almeno pensate a sfruttare l'opportunità che vi viene data contattando aziende e proponendovi a loro.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'