giovedì 9 dicembre 2010

Google Zeitgeist 2010, le parole più ricercate del 2010 in Italia

Dopo Yahoo!, ecco che Google presenta Zeitgeist 2010, ossia la classifica delle parole più ricercate sul motore di ricerca numero uno al mondo riguardante il periodo 2010 in Italia. Ecco l'elenco completo fornito da Mountain View raggruppato per area tematica:

Classifica delle parole di crescente popolarità:

  1. Chat Roulette
  2. Sarah Scazzi
  3. Stipendi PA
  4. Waka Waka
  5. Mondiali 2010
  6. Video Mediaset
  7. Il fatto quotidiano
  8. Autoscout24
  9. Megavideo
  10. Google traduttore

Ecco la classifica dei termini più popolari in assoluto:
  1. Facebook
  2. YouTube
  3. Libero
  4. Meteo
  5. giochi
  6. streaming
  7. Google
  8. Yahoo
  9. Corriere
  10. Alice

Questa invece la classifica per le ricerche mobili di crescente popolarità:
  1. iPad
  2. Pietro Taricone
  3. Waka Waka
  4. iPhone
  5. Mondiali 2010
  6. Avatar
  7. Ovi
  8. Google traduttore
  9. Sanremo
  10. Classifica Serie A

Le ricerche di pubblico interesse di crescente popolarità sono queste:
  1. Manovra Finanziaria 2010
  2. Maturità 2010
  3. Stipendi PA
  4. Modulistica INPS
  5. Prove Invalsi
  6. PEC
  7. Agenzia delle Entrate
  8. GdF
  9. Servizio Civile Nazionale
  10. Sportello Immigrati

Le ricette di crescente popolarità:
  1. I cazzilli palermitani
  2. Il casatiello napoletano
  3. La pasta di zucchero
  4. Il tiramisù alle fragole
  5. La torta al limone
  6. Il cheescake
  7. Le chiacchiere
  8. Le polpette di melanzane
  9. La parmigiana di melanzane
  10. La frittata al forno

Ecco le ricerche associate alla parola “significato” di crescente popolarità:
  1. Bunga Bunga
  2. Kippah
  3. Waka Waka
  4. Networking
  5. Probiviri
  6. Concussione
  7. Bischero
  8. Sarcasmo
  9. Namasté
  10. Shoah

Le persone di crescente popolarità in Italia:
  1. Justin Bieber
  2. Mauro Marin
  3. Sandra Mondaini
  4. Marco Mengoni
  5. Lady GaGa
  6. Belen Rodriguez
  7. Alessandra Amoroso
  8. Robert Pattinson
  9. Paolo Fox
  10. Maria De Filippi

That's all, folks!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Vodafone e Telecom Italia contro Apple Facebook e Google

Davvero strano: i gestori telefonici nazionali, come Telecom Italia, Wind e Vodafone, sembrano intenzionati a fare causa ai colossi del web, e nello specifico Apple, Facebook e Google, colpevoli, secondo loro, di cercare di tenere online il più grande numero di utenti mobili e mandando al collasso le ristrette capacità delle loro centrali. In particolare, sembrano accordarsi per poter far pagare alcune commissioni ai 3 colossi americani per poter sostenere la crescita delle infrastrutture mobili. Apple, da parte sua, è quella contro la quale puntano l'indice un pò tutte le compagnie, visto che iPhone ed iPad portano gli utenti/utonti a restare sempre connessi via Umts o Gprs. Facebook, manco a dirlo, dall'alto dei suoi 600 milioni di utenti che effettuano il login anche tramite smartphone, sarebbe origine di una quantità di traffico eccessivo, mentre Google con Android nonchè con i nuovi servizi lanciati, sarebbe delle 3 quella meno "mobile-trafficata", anche se dipende molto dall'uso che fanno gli utenti dei telefonini e dei dispositivi mobili di ultima generazione. A noi sembra un controsenso bello e buono, visto che già oggi sono gli utenti, e non i fornitori Apple, Google o Facebook, a pagare per restare connessi: immaginate cosa dovesse accadere se la Fiat dovesse pagare per ogni auto circolante in Italia... Nell'attesa di eventuali accordi tra i contenders, vi terremo informati sugli eventuali sviluppi e sulle decisioni che prenderanno le compagnie telefoniche.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Google Dashboard e la privacy

Non c'è che dire, Google e Facebook hanno sistemi di gestione delle informazioni assai diversi. Anche oggi rispondiamo a Federico, un assiduo frequentatore di questo blog su Facebook, che ci chiede per email come e quali informazioni Google conosce di noi: la domanda non è banale, infatti una volta effettuato l'accesso, per esempio con GMail, ed effettuando un certo numero di ricerche, Google registrerà tutte le attività che eseguite online anche se molti non sono a conoscenza di ciò.
Ecco come visualizzare tutti i dati memorizzati da BigG riguardo il nostro account Google: basta digitare l'indirizzo https://www.google.com/dashboard/ quindi inserire in alto a destra nome e password (richiesta per ulteriore sicurezza, visto che verranno presentati parecchi dati riservati). Possiamo da qui vedere, raggruppati in argomenti della nostra bacheca, tutta una serie di servizi associati al nostro account. Ad esempio facendo click su Cronologia Web si può sia vedere tutte (!!!) le pagine visualizzate dall'utente che cancellarle e, fortunatamente, disabilitare la cronologia. Un servizio decisamente pubblico è Buzz, che genera status liberamente ricercabili da web: per chi fosse in ansia da privacy, consigliamo di disattivarlo cancellando eventuali Buzz e tutti i followers/following al servizio.
Poco più sopra compaiono i dati su Blogger, se avete un blog ospitato sulla piattaforma Blog*spot, nonchè i feed ospitati su FeedBurner, poi tutti i vostri Contatti, un "riassunto" del contenuto di GMail (ovviamente privato), Calendar, Google Documenti, Google Reader ed i siti ai quali siete iscritti e gli altri prodotti, tra i quali ricordiamo Picasa Web Album, AdSense, AdWords, Google News eccetera.
Insomma, dal pannello DashBoard avete una panoramica di TUTTI i vostri dati memorizzati sui server Google a Mountain View e potete, in pochi click, cambiarli, renderli più o meno pubblici o cancellarli proprio! Sperando di essere stati abbastanza chiari, vi invitiamo a dare uno sguardo a quanto Google sà di voi ed, eventualmente, metterci una pezza ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'