venerdì 22 ottobre 2010

Login a Facebook da cellulare e dispositivi mobili

Login a Facebook tramite cellulare? In Italia è consuetudine per oltre 11 milioni di utenti del social network in blu: è quanto emerge dalle statistiche pubblicate dal Politecnico di Milano, in particolare dall'Osservatorio della School Of Management, e riferite a Luglio 2010 in Italia. Gli strumenti per eccellenza per effettuare i login a Facebook, Twitter o MySpace, nonchè per guardare video ed ascoltare musica, saranno proprio gli smartphone e tutti gli altri dispositivi mobili. La stessa Google sta investendo fortemente su tali tipi di periferiche e prevede nei prossimi anni il boom dell'internet-portabile ed il progressivo abbandono dei login da terminali fissi e desktop rispetto alle percentuali attuali. Per la cronaca, la versione ottimizzata di questo blog per l'accesso da iPhone e simili è raggiungibile all'indirizzo fbi.mobify.me. Se riscontrate dei problemi di visualizzazione, segnalateceli al solito indirizzo email, grazie.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Come Google non paga (legalmente) le tasse...

Ecco la notizia bomba: il gigante Google è riuscito a pagare le tasse al fisco americano per un totale del 2.4% del reddito, contro il 35% previsto, ed il tutto in modo legale. Visto il successo in termini di miliardi di dollari risparmiati, anche Microsoft e Facebook si stanno adoperando per compiere la stessa manovra. Ma in cosa consiste? Nello specifico, ha spostato la sede in Irlanda, dove le tasse ammontano a solo il 12.5% del reddito ed ha aperto una seconda filiale nei Paesi Bassi nella quale trasferisce parte dei propri lauti guadagni. Dulcis in fundo, le Bermuda, uno dei paradisi fiscali per eccellenza, dove finisce grossa parte del "malloppo" del gigante del web. Gli analisti dichiarano che le azioni di Google, se dovesse pagare al 35% le tasse, crollerebbero di un quinto del valore ma al fisco americano poco importa, tant'è che sta indagando per cercare di riportare nelle proprie casse il presunto maltolto.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'