mercoledì 22 settembre 2010

Chat MSN e ricatti a sfondo sessuale

Denunciato un 19enne di Benevento che aveva ricattato una ragazzina di soli 13 anni di Catania: il ragazzo aveva conosciuto la minorenne tramite internet e, dopo aver effettuato il consueto scambio di indirizzi Msn Messenger, era riuscito ad avere alcune foto personali della ragazza. Ma da cosa nasce cosa, ecco che inizia a chiedere delle foto di lei "particolari" minacciandola di inserire le altre foto nei siti internet e nei motori di ricerca ed associandole con tag dichiaratamente a sfondo sessuale. La 13enne ha denunciato alla polizia postale di Catania l'accaduto che ha dato un nome ed un volto all'uomo, spacciatosi per musicista londinese. Al momento è solo stato denunciato a piede libero ma nel caso in cui le indagini mostrassero il suo coinvolgimento in altri ricatti simili, potrebbe finire dietro le sbarre per un pò. Il consiglio è quello di stare attenti alle chattate "innocenti" su internet, perchè come dimostrano i recenti fatti, lo scambio di foto e video potrebbe ben presto trasformarsi in incubo. In quei casi, rivolgetevi immediatamente alla Polizia Postale anche online o ai Carabinieri.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Gruppi su Facebook contro i militari gay

Anche Lady Gaga, al secolo Stefani Germanotta, si è schierata apertamente per i diritti dei militari omosessuali: la stella del pop afferma che è un loro diritto quello di poter essere arruolati ed essere presi a "colpi di mitra" per la patria. Ma su Facebook sono tantissimi gli utenti che effettuano il login e partecipano (o peggio, aprono) gruppi dichiaratamente contro i militari gay: secondo la loro visione, sarebbero eroi solo quelli etero, gli altri dovrebbero solo morire. Il suggerimento più "gentile" è quelli di mandarli in prima fila a combattere, un pò come è successo durante la 2' Guerra Mondiale ed in Vietnam. Non è una novità che sul social network in blu i gruppi omofobi che incitano alla violenza proliferano senza alcun controllo da parte dei gestori della piattaforma, che al contrario non sembrano farsi scrupoli nel disattivare l'accesso per profili utenti normalissimi: basti pensare che in redazione arrivano ogni settimana decine di email chiedendo consigli e suggerimenti per farsi riabilitare la login bloccata senza alcuna motivazione apparente... Mahh, l'ennesima contraddizione del social network dominatore del web 2.0.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'