mercoledì 14 luglio 2010

Su Facebook "Stoppa la piattaforma"

Le limpide acque della Sicilia sono minacciate dalla probabile costruzione di nuove piattaforme per le trivellazioni petrolifere in mare: dopo le recenti ed ancora irrisolte maree nere nel Golfo del Messico, nonostante i miliardi di dollari letteralmente buttati a mare dalla British Petroleum BP per cercare di fermare la fuoriuscita di greggio, che sta mettendo in ginocchio l'ecosistema e chi vive di esso, ora si teme per il Mediterraneo. Già il TAR in Puglia aveva bloccato ed annullato di fatto il decreto del Ministero dell'Ambiente che dava l'ok per le trivellazioni (per insufficiente valutazione degli impatti ambientali) accogliendo la richiesta della Regione Puglia. Ma si teme che la costruzione a sud della Sicilia per opera della San Leon Energy, una piccolissima società con sede a Lecce e con un capitale sociale di appena 10.000 euro!!! Facebook Italia subito si è mobilitato per sensibilizzare l'opinione pubblica ed opporsi fermamente a nuove trivellazioni, ed il gruppo "Stoppa la trivellazione" vede al momento quasi 3000 iscrizioni. Se volete partecipare, digitate dopo il consueto login a Facebook l'indirizzo facebook.com/group.php?gid=122133334483058 nella barra del vostro browser preferito.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'