venerdì 4 dicembre 2009

Facebook contro Zerrin Sukut, la ragazzina che squarta un gatto e pubblica le foto

Tutti contro Zerrin Sukut, la ragazzina di 15 anni che vive a Yalova (presso Istanbul) e che ha pubblicato sul suo profilo Facebook circa 20 foto raccapriccianti che la ritraevano intenta a squartare un povero gatto. Putiferio in Turchia ed in tutto il web, il profilo è stato prontamente cancellato ma le foto del micio seviziato e mutilato dalla ragazza, munita di guanti bianchi da chirurgo e di un coltello da cucina, avevano ormai fatto il giro di internet.
Facebook si è subito scagliata contro il crudele gesto, tanto che i gruppi anti-Zerrin e le adesioni continuano ad aumentare di ora in ora. Davanti alla polizia, Zerrin non ha avuto problemi ad ammettere la paternita' del gesto ed ha confessato di far parte di una setta satanica. Purtroppo non si hanno notizie di provvedimenti contro la ragazza.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

8.8.8.8 e 8.8.4.4, i DNS pubblici di Google che fanno infuriare OpenDNS

I Google Public DNS (Domain Name System) sono finalmente online e, secondo il gigante di Mountain View, promettono di velocizzare la vostra navigazione, incrementare la sicurezza ed ottenere i risultati che aspettavate senza assolutamente alcun redirect, filtro o blocco. Tutto molto bello, ma... cosa è un DNS? Per farla breve, è la parte dell'infrastruttura del web che funziona come una specie di "pagine gialle di internet": ogni volta che digitiamo un indirizzo, il nostro computer effettua una ricerca in queste "pagine gialle" per risolvere i nomi simbolici in indirizzi fisici. Purtroppo, ogni medaglia ha il suo rovescio: Google sta agendo sul web tentando di diventarne monopolista assoluto, una specie di Grande Fratello mediatico. Basti pensare agli errori di digitazione sugli indirizzi: correggerli ed indirizzare gli utenti verso determinate pagine sarebbe una cosa davvero apprezzabile, se non fosse che Big G già ricava miliardi di dollari con la pubblicità online, e controllare anche i DNS consegnerebbe de facto a Google le chiavi del web.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'