venerdì 25 settembre 2009

I gruppi più strani di Facebook

E' innegabile, agli iscritti sul social network in blu manca di sicuro qualche rotella... Altrimenti perchè creare tutta una serie di gruppi tanto strani quanto improbabili? Uno si alza la mattina, apre la doccia e non c'è acqua calda: quale migliore occasione per dare vita al gruppo di Quelli che si incazzano perchè non hanno l'acqua calda? La cosa più divertente è constatare che le disgrazie capitano un po a tutti, ecco qui che il successo è assicurato e le iscrizioni fioccano come le multe per divieto di sosta a Milano!

E che dire del gruppo Quelli che al citofono alla domanda "Chi è?" rispondono "Io"? Davvero geniali, per non parlare di Quelli che hanno spinto una porta quando c’era scritto "tirare": magari mi Accendo il cellulare per vedere al buio così non rischio ulteriori figuracce. No, ci ho ripensato, Io odio il cellulare e sono di quelli che Vorrebbe colpire il gattino Virgola con una mazza da golf! Sono Nato negli anni 70 e soprattutto Quando avevo la tua età dovevo soffiare nei videogame per farli funzionare, altro che Playstation 3... Li si che si socializzava, facevamo a gara a chi soffiava più forte. Noi eravamo tra Quelli che hanno provato invano a fare il sorriso sui Sofficini: un insuccesso dopo l'altro.

E poi dico a te, si, proprio te Che mi aggiungi a fare su Facebook se poi per strada non mi saluti? Molto meglio tagliare corto con questa storia delle amicizie ed andare dritti al sodo: Basta "poking", facciamo sesso! Una piccola delusione però può sempre capitare, Pensavo fossi gnocca finché non sono andato a vedere su "altre foto" oppure E' inutile che metti la foto figa su Facebook se poi sei un cesso spero non si riferisca a me! No, no, è colpa della foto: Che cazzo mi tagghi che sono venuto di merda? E poi un avviso a tutti i playboy: Non sono io che me la tiro, siete voi che non sapete rimorchiare (e questo è proprio vero, ahimè).

Ecco i due gruppi studenteschi che vanno per la maggiore: Quelli che per non farsi interrogare fingevano di cercare il nulla nello zaino e Quel capitolo non lo fare perché tanto non te lo chiedono, ma puntualmente era la prima domanda all'orale...GRAZIE EH?!?

Ma perchè preoccuparsi? Da recenti statistiche risulta che Il 70% dei problemi si risolve con sticazzi il restante 30% con vaffanculo, quindi Vivi sereno e non rompere i coglioni... Stò uscendo pazza da questa storia, ma la colpa non è la mia: Sono in analisi perché nessuno mi ha mai comprato il Dolce Forno da piccola. Di sicuro mi iscriverò a Quelli che odiano i gruppi di Facebook! Così tagliamo la testa al toro... Oppure se si iscrivono 50.000 persone entro capodanno mi taglio le palle? Sei proprio fuori di zucca.

Perché diciamo la verità: Facebook serve per farsi i cazzi degli altri!

E con questo, tanti auguri per un sereno weekend a tutti!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Nuova scossa a L'Aquila di intensità 4.1 Richter

Paura a L'Aquila ieri pomeriggio: a 6 mesi dal ben più devastante terremoto di aprile scorso la terra è tornata a tremare. Alle 18.15 una forte scossa di magnitudo 4.1 ha interessato l'Abruzzo, in particolar modo L'Aquila e la zona del Comune di Pizzoli (epicentro). Così dopo alcune settimane di pausa (le scosse in realtà ci sono sempre state ma erano lievi e di breve durata), ieri è tornata la paura: su Facebook e altri social network in pochi minuti centinaia i messaggi lasciati da testimoni diretti.

«Non si tratta di un evento legato alla sequenza in atto nella zona dei Monti Reatini - osservano i sismologi dell'INGV - e non è escluso che questo sisma possa innescare altri eventi nelle prossime ore». Il presidente dell'INGV Enzo Boschi dichiara: «Non siamo stati sorpresi da questa scossa, ce ne aspettiamo altre: in Irpinia continuarono per un anno e mezzo. Le scosse fanno paura ma le persone sono al sicuro grazie ai controlli della Protezione civile».

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'