venerdì 14 agosto 2009

Omicidio estetista Bari, l'ex fidanzato indagato anche per stalking

Un altro fascicolo d'inchiesta sarebbe stato aperto dalla Procura di Bari a carico dell’uomo indagato per l’uccisione di Anna Costanzo, la cinquantenne barese titolare di un centro estetico aggredita in casa la notte dell’11 luglio. L’uomo, Alessandro Angelillo, di 35 anni, è ora indagato anche per stalking sulla base di una denuncia che sarebbe stata fatta da una sua ex fidanzata.

L'omicidio di Anna Costanzo risale alla notte tra il 10 e l'11 luglio scorso. Nella casa sono stati trovati – ritiene la polizia – segni evidenti di depistaggio. A cominciare dal messaggio apparso la notte del delitto sulla bacheca di Costanzo su Facebook nel quale la donna (o l’assassino?) diceva di aspettare a casa tre persone. Il messaggio è stato postato per la prima volta da un amico della vittima alle 2.44 dell’11 luglio. Secondo il medico legale che ha eseguito l’autopsia, la donna è stata uccisa tra le 3 e le 4 di notte. Per gli investigatori chi ha ucciso la donna ha alterato la scena del delitto cercando di cancellare le tracce della sua presenza.

Aggredita in casa dopo poco che era tornata dall’aver trascorso la serata con amici, la donna sarebbe stata prima immobilizzata e imbavagliata con nastro adesivo, anche per non farla urlare nel cuore della notte. Poi l’assassino avrebbe tentato di soffocarla spingendole la testa nell’acqua raccolta nel lavandino o nella vasca da bagno. Non riuscendoci, l’avrebbe strangolata: forse l’ha afferrata alle spalle e le ha stretto il braccio intorno al collo, ad uncino, fino a quando Anna Costanzo ha smesso di respirare.

[fonte: lagazzettadelmezzogiorno.it]

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'