venerdì 3 aprile 2009

Debora Serracchiani spopola su Facebook

Avvocato, 39 anni, consigliere provinciale e segretaria PD ad Udine: lei è Debora Serracchiani, la prima candidata alle elezioni europee annunciata dal segretario Dario Franceschini ed è diventata su Facebook una vera e propria icona dopo il suo discorso all'assemblea dei circoli del Partito Democratico, dove senza peli sulla lingua ha criticato aspramente sia la linea politica del partito che i vertici del PD. A lei inneggiano diversi gruppi e pagine sul social network in blu, che riportano il video virale del suo intervento... In molti infatti la richiedono come candidata alle europee o almeno in un ruolo di maggiore rilievo all'interno del partito.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Europee, scatta la gara tra i partiti per reclutare nomi a effetto

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

E il Cantone oscura Facebook

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

In 800 su Facebook contro le buche

In poche ore hanno aderito quasi 800 persone alla stessa causa: protestare virtualmente contro le buche nelle strade di Cantù. Su Facebook è stato creato il gruppo "Le buche o voragini di Cantù". A centinaia si sono «radunati» per fare gruppo, nella speranza che il comune intervenga presto a rammendare il manto stradale. Rovinoso in più punti: non mancano, da parte degli utenti, segnalazioni sulle vie che hanno bisogno di una bella sistemata. Per evitare di saltare su e giù per dossi non artificiali, con il rischio di farsi persino male. Nella mappa delle buche segnalate su Facebook, in testa c’è via Cavour, davanti ai servizi sociali del comune. Dove il rattoppo di qualche giorno fa, a giudizio dei navigatori, non è stato sufficiente.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Per gli statali accesso negato a Facebook

Diventano sempre più efficaci i filtri della rete informatica per gli impiegati dell'Amministrazione Cantonale. Da ieri il sito www.facebook.com è inaccessibile, suscitando più di qualche malumore: "Mi capitava spesso di entrare in facebook durante le ore lavorative" ha confidato alla RegioneTicino un dipendente all'Amministrazione cantonale. "Ok ma ora cosa feremo nei momenti morti?" ha detto un altro dipendente. "Peccato perché l'importante è sapersi dare delle regole e dei limiti, e personalmente ci riuscivo".

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'