martedì 24 marzo 2009

Il piccolo ippopotamo Farasi non sarà ucciso

Il movimento «Save Farasi» ha oltre 1.500 iscritti su Facebook e la sua fondatrice, Andrea Dindo, contatta personalmente gli zoo di mezza Europa: «Mi ripetono tutti che non hanno spazio — racconta — e aggiungono che se non lo si dovesse trovare, sarebbe giusto ucciderlo». Il problema esiste, eccome: gli zoo non hanno fondi sufficienti per progettare ampliamenti nonostante gli ospiti indesiderati come Farasi siano ormai più di 18 mila: «È il risultato di una gestione irresponsabile, agli animali vanno sommini-strati anticoncezionali o devono essere separati quando sono in calore — dice Luigi Boitani, direttore del Dipartimento Biologia animale e dell'uomo all'Università La Sapienza di Roma — A volte non lo si fa per banale incapacità, altre volte perché i cuccioli fanno notizia e attirano visitatori...».

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Su Facebook per ricordare Massimo Troisi

In 3mila su Facebook Italia per ricordare Massimo Troisi chiedono 2 statue a San Giorgio a Cremano e Torre del Greco. Sul social network blu e' nato di recente un gruppo che chiede di non dimenticare il popolare attore scomparso nel 1994 e di erigere due statue nella citta' natale e davanti alla sua scuola. Raggiunte le 10mila adesioni, i promotori invieranno una lettera ai sindaci con la richiesta.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'