sabato 14 marzo 2009

Aardvark, ecco il social search sul web

Aardvark, la nuova frontiera del social search si prepara a diventare di pubblico dominio. Ma cosa è Aardvark e cosa ha a che vedere col formichiere del videogame anni '80? Aardvark è un software creato da alcuni ex-dipendenti di Google.com che mira alla creazione di una rete di ricerca tra i social network. Il tutto funzionante tramite interrogazioni fatte in chat (Google Talk, Msn Messenger, Aim etc) che verranno smistate ad utenti sparsi in tutto il mondo che risponderanno in base al loro pregresso ed alla loro preparazione sull'argomento.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

comScore pubblica lo share dei search engines di Febbraio

comScore comunica la nuova rilevazione di Febbraio sullo share dei Search Engines negli Stati Uniti ed ancora una volta la rilevazione non porta sorprese, Google è sempre i ll numero uno con uno Share del 63.3%. Google aumenta lievemente dallo scorso mese con un +0.3%. Male invece per i competitors, Yahoo scende dal 21% di Gennaio ad un 20.6% (-0.4%), i siti di Microsoft calano del 0.3% (da 8.5 a 8.2%) mentre l’unico a guadagnare è il Network Ask con un +0.4% (da 3.7 a 4.1%).

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

L'idea di «Mr Google»: un Facebook del Dna a caccia del Parkinson

I maligni dicono che Sergey Brin, il co-fondatore di Google, non avrebbe mai finanziato il progetto se non avesse scoperto di avere il 50% di probabilità di ammalarsi di Parkinson. Un progetto simile ad un Facebook del DNA, con lo scopo di offrire ai centri di ricerca il più ampio catalogo di geni e mutazioni utile a trovare la ricetta per fermare la malattia.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Momail semplifica l'utilizzo di Facebook

Momail ha annunciato di supportare Facebook mediante il noto servizio di email per dispositivi cellulari. Sarà ora possibile gestire il profilo del social network in blu senza connessione Internet, senza il download di programmi o applicazioni mobili e senza bisogno di effettuare l'accesso.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'