lunedì 9 marzo 2009

Navigare in modo anonimo? Ecco come fare

Come si fa a navigare sul web in modo anonimo? Se questa domanda non vi lascia dormire sonni tranquilli, viene in nostro soccorso il servizio BubbleUp.it che fà dell'anonimato online durante la navigazione il proprio obiettivo. Come funziona il servizio? Semplice: con un proxy, ossia un computer che fa da tramite tra il nostro Pc ed il sito che vogliamo visitare, in modo da nascondere l'indirizzo IP (un numero che ci identifica in modo univoco, una specie di targa "mondiale" del nostro Pc) e sostituirlo col suo. Un trucco semplice che permette di non risultare negli elenchi statistici dei siti che visitiamo e per poter aprire siti magari bloccati nella nostra scuola o in ufficio al lavoro... Facebook, MySpace, YouTube e tanti altri vengono filtrati, mentre accedendo a BubbleUp.it tali siti non risulteranno e saranno quindi visibili e navigabili... Non male no?!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Sempre più social network, e-mail a rischio

Secondo una ricerca di Nielsen ripresa da Bbc News, gli internauti passano sempre più tempo sui social network, Facebook in particolare, e comunicano tra loro utilizzando blog e pagine personali, abbandonando progressivamente le email. Così, a fronte del 65% degli utenti inglesi che usano almeno una volta al giorno la casella di posta elettronica, sono ben il 66.8% che possiedono un account su Twitter e Facebook: un dislivello che è destinato a crescere nei prossimi anni decretando la fine della vecchia email in favore dei nuovi media sociali.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Violenza, mille firme a favore della castrazione chimica per gli stupratori

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

L'altra faccia della privacy? La felicità

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Il Napoli contro Facebook

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

I primi passi di 'Citybook', la sfida ferrarese a 'Facebook'

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook è regolato dall’ostracismo

Ora anche su Facebook basta una denuncia per cancellarci dalla comunità. E' scoppiato così con grande frastuono il caso di Nino Randisi, giornalista siciliano che ha visto sparire improvvisamente senza alcuna giustificazione il suo account su Facebook. E non è detto che lo stesso non possa capitare, senza alcun motivo plausibile, anche per noi.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Capitale blindata per il "Papa-Day"


Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook: giù le mani dai contenuti degli utenti!


Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Siamo un popolo di marinai, non di navigatori


Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'