martedì 10 febbraio 2009

Mutande rosa contro estremisti anti donne

Mutande rosa in segno di protesta contro il gruppo nazionalista che il mese scorso aggredi’ delle ragazza che stavano bevendo e fumando in un pub di Mangalore, nel sud dell’India. Oltre 8600 persone, tra cui molti uomini, si sono iscritti al gruppo Facebook "A Consortium of Pub-going, Loose and Forward Women" creato da una donna indiana allo scopo di raccogliere mutandine rosa da consegnare al gruppo nazionalista hindù Sri Ram Sena, accusato di essere il responsabile degli attacchi di Mangalore. La consegna avverrà sabato prossimo, in occasione della festa di San Valentino.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Eurispes: il 30% degli italiani usa Facebook

Attratti da Facebook ma poco fiduciosi che sia un mezzo per stringere nuove amicizie:cosi' lo vedono gli italiani secondo una ricerca Eurispes. Ad utilizzare Facebook e' il 30,7% degli italiani.I giovanissimi (18-24 anni) sono quelli meno suggestionabili dalle sue potenzialita' vere o presunte.Sono loro che credono che Facebook sia uno strumento utile per ritrovare vecchi amici (72,1%) e passare il tempo (49,6%).Ma sono i meno propensi a credere che consenta di stringere nuove amicizie (56,6%).

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Corso di Facebook per genitori

Imparare a conoscere Facebook al fine di utilizzarlo nel modo corretto per relazionarsi con i propri figli, ma anche per insegnare loro a valorizzare al meglio la propria reputazione online. È questo lo scopo di un corso gratuito di psicologia offerto dalla Stanford University a tutti i genitori che desiderano avvicinarsi ai propri ragazzi utilizzando anche i più moderni strumenti di interazione sociale, ma che al tempo stesso non vogliono che questo possa in qualche modo indisporre i figli e portarli invece a una chiusura.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Tutti amici su Facebook

La vera amicizia ha un valore immenso. Di questo non c'è dubbio. Ora, però, è apertamente ostentando millantandola ai quattro venti, forse senza aver mai conosciuto quella persona, ma si riempie "la bocca" della parola amicizia. I tempi cambiano, hanno bisogno di interagire utilizzando le nuove tecnologie per il sociale e familiare fuori dalla solitudine, l'internet è per compensare il vuoto. Su Facebook c'è una vera e propria marea di voci, uno straordinario "boom", ora sembra che non c'è persona che non è registrato. In Italia solo un anno è passato dal 2 per cento al 44 per cento dei navigatori, e il mondo hanno 150 milioni di abbonati.
Le domande sono molte e fare un punto di partenza per dibattiti sociali e politici.
Il facebbok, è stata fondata nel 2004 da Mark Zuckerberg, uno studente all'Università di Harvard, in pochi mesi si è diffuso in scuole, college e università negli Stati Uniti, presto raggiunto l'obiettivo di mantenere i contatti degli studenti di tutto il mondo. Ma è diventata una vera e propria rete sociale che abbraccia gli utenti internet.
Sicuramente l'effetto Obama, eletto presidente degli Stati Uniti d'America, che prima accensione, utilizzando la capacità organizzativa delle reti sociali, non poteva passare l'indifferenza dei mezzi di comunicazione che coinvolgono molteplici settori.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Il Festival di Sanremo 2009 su Facebook

Per l’edizione del Festival di Sanremo 2009 sarà possibile consultare le notizie direttamente su Facebook. I milioni di iscritti al social network potranno infatti quest’anno essere sempre informati sulla manifestazione sanremese grazie al nostro giornale he ha realizzato il servizio gratuito. E’ sufficiente collegarsi all’indirizzo http://apps.facebook.com/sanremonews per poter inserire nel proprio profilo di Facebook il servizio sul Festival di Sanremo.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Del Piero si difende dal fake neonazista su Facebook

Alessandro Del Piero ha scoperto che qualcuno si sta facendo passare per lui su Facebook. La cosa, seccante in sé, è anche peggiore di un semplice furto d'identità in quanto il ladro esprime chiaramente simpatie neonaziste, da cui il Del Piero originale tiene a dissociarsi. Per questo sembra che il calciatore voglia tutelare la propria immagine anche intraprendendo un'azione legale contro Facebook.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Aumentate a 100 km/h la velocità massima sulla Tangenziale!

Dopo poche ore registriamo già 600 gli iscritti all’apposito gruppo su Facebook ( http://www.facebook.com/group.php?gid=49152089181 ) per chiedere di portare il limite di velocità sulla Tangenziale di Napoli dagli attuali 80 km/h a 100 km/h, in concomitanza con l’entrata in funzione del sistema di tutoraggio per il controllo della velocità – afferma Gennaro Capodanno, ingegnere, fondatore del gruppo – Faccio osservare che, con il limite attuale, la tangenziale viene considerata, dal punto di vista della velocità, al di sotto delle strade extraurbane secondarie o locali per le quali il codice della strada prevede il limite massimo di 90 km/h “.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Un gruppo contro il sistema Tutor sulla tangenziale di Napoli

Anche il web insorge contro la messa in funzione del sistema Tutor sulla tangenziale di Napoli. A dare voce alla protesta, il social network più in voga del momento, Facebook, dal quale si leva il grido degli internauti decisi più che mai a protestare contro il limite imposto di 80 km/h. “Aumentate a 100 km/h la velocità massima sulla Tangenziale di Napoli!”, questo il nome del gruppo fondato da Gennaro Capodanno, che ad oggi conta già 3167 iscritti. Tra le lamentele più comuni, le considerazioni sull’eccessiva severità del limite imposto, soprattutto in considerazione del fatto che perfino sulle strade secondarie extraurbane il limite di velocità resta fissato, dall’art. 142 del codice della strada, a 90 km/h.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook si divide per Eluana

Centinaia di messaggi, gruppi di discussione, brevi saluti per dire addio ad una donna che ha diviso le coscienze: dieci minuti dopo l'annuncio della morte di Eluana, il popolo di Facebook ha riversato in rete i propri sentimenti e le proprie emozioni. Dividendosi ancora una volta, come avvenuto in questi giorni nel paese reale. Nel gruppo di discussione per sostenere la petizione di appoggio al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, prima che il capo dello Stato decidesse di non firmare il decreto del governo (che conta quasi 86mila iscritti), si e' aperto un sottogruppo a cui si sono iscritti in pochi minuti oltre duecento persone, nella stragrande maggioranza favorevoli alla scelta fatta da papa' Beppino. "Finalmente libera...corri in cielo a perdifiato Eluana!!" scrive Christian Orefice, come Aurora Bianchi. "Finalmente sei libera - scrive la donna - Stop alle polemiche, non se ne poteva più di ecclesiastici e politici che blateravano sul tuo presunto omicidio per privazione di cibo.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'