venerdì 2 gennaio 2009

La censura di Facebook scatena le mamme

Con le nuove regole della politica di Facebook, è l'inclusione di immagini proibite di allattamento al seno. E 'per questo che non mi piacciono le molte mamme che frequentano Facebook, cioè la censura qualcosa di così bello e naturale come l'allattamento al seno un bambino. La protesta nasce a Palo Alto (California), è andato avanti per mesi, perché Facebook-INLEF è categoricamente vietata anche l'esposizione innocente di parti del corpo in immagini e video pubblicati. Questo ha dato luogo a gruppi di protesta su Facebook ed è stata pubblicata una lettera nella rete che supporta diversi punti a favore dell'allattamento al seno. Il punto principale che non si basa sulla morbilità dell'allattare legge. Anche il fatto gruppi scatenanto il "Hey Facebook, l'allattamento al seno non è osceno" ha già oltre 80 mila abbonati.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Berlusconi vince la sfida anche su Facebook

post modificato per ragioni di copyright - Silvio Berlusconi trionfa su Facebook: è lui in assoluto il politico italiano più seguito, anche se tra i primi a sbarcare sul social network ed intravederne le potenzialità è stato Walter Veltroni, sul libro delle Facce "INLEF". Siamo a oltre 40mila contro i 17.678. Al secondo posto si è piazzato il ministro Renato Brunetta che, con quasi 26mila fans, è vicino al testa a testa con Umberto Bossi a oltre 25mila sostenitori. Mariastella Gelmini resta fuori dal podio, ma è in ascesa con oltre 23mila amici, quinto Veltroni, poi Fini e Renato Soru con oltre 8mila fans. Di Pietro resta all'ottavo posto, mentre "Don" Ignazio La Russa è nono con 8.376 fans. Decimo Giulio Tremonti, 6.115 fans. Delude Pannella, a soli 1600 Mi Piace.



Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Statistiche

Oggi 2 gennaio 2009 le persone italiane presenti sul social network Facebook sono 5.578.880! Quasi il 10% della popolazione italiana è su Facebook!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook censura le foto delle mamme che allattano

post modificato - Il sito rimuove le immagini ritenute esplicite, proteste e sit in delle donne e mamme in tutto il mondo. Facebook, il padre di tutte le reti sociali su Internet, il sito che fa trovare compagni di scuola, amici, nemici, amanti, ex, sta togliendo dalle pagine dei loro iscritti alcune foto ritenute «oscene»: madri che allattano neonati. «Violano le condizioni di Facebook sul divieto di pubblicazione di materiale osceno, pornografico, sessualmente esplicito", ha detto Barry Schnitt, portavoce di Facebook. Ma le mamme censurate orrore e piangere il mondo si stanno mobilitando per protestare. Capo della rivolta del popolo è Kelli Roman, 23 anni californiano anni. Era uno dei primi a subire la cancellazione della foto che è stata ritratta mentre allattava il suo bambino, circa un anno fa, quando la sua pagina su FB non ha più trovato. Abbiamo chiesto una spiegazione, la risposta è stata: 'Le immagini sono contrarie alla nostra politica. "E 'stato sufficiente per scatenare la giovane mamma che subito ha lanciato una petizione sul sito ufficiale:" Hey Facebook, l'allattamento al seno non è osceno! '. Un fiume in piena: oltre 105 mila persone hanno firmato e protestato contro la censura. Non solo. Il 27 dicembre abbiamo trovato online per una manifestazione virtuale: in 11.000 hanno cambiato il loro profilo aggiungendo foto mentre allattano al seno, uno o più figli. E allo stesso tempo, coloro che hanno raggiunto la sede Palo Alto di Facebook, l'allattamento al seno per una massa al di fuori della sede. In queste stesse ore, tante immagini "oscene", ma scomparso dal sito. Così arrabbiatissime mamme hanno aperto un sito web dove è possibile pubblicare tutte le foto censurate. Aumenta di ora in ora.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook va in digitale

post modificato rispetto l'originale - il primo book che ha voluto analizzare uno dei fenomeni più interessanti e popolari della rete odierna, Facebook, analizzandone particolarità e caratteristiche: una comunità online che ha fatto scoprire il social network a chi ancora non lo conosceva, ma anche una idea imprenditoriale ed un modo di gestire le relazioni tra le persone totalmente nuova.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'